ShimadaSalò Vs NewteamCatania il calcio che ricalca il mito di Holly e Ben

Facebook Twitter Google

Gara dura, del resto i playoff sono la giungla in cui nessuna grande squadra vorrebbe finire chiedere al Frosinone in Serie B per conferma.

Il Catania dunque fa i conti con una Feralpisalò quadrata e arcigna, ma soprattutto consapevole delle proprie limitate capacità. La partita di ieri ha ricordato per gli amanti di Holly e Benji la gara fra Shimada (Feralpisalò) e Newteam (Catania). Moltissime azioni della Newteam molti tiri verso lo specchio nessun gol e alla fine del primo tempo ecco che i campioni si ritrovano sotto di ben due reti per la soddisfazione di mister Kanayama (Toscano) che se la ride sotto i baffi in panchina assaporando la vittoria.

Beh molte analogie con la gara di ieri, in cui il Catania ha dominato la prima mezz’ora non riuscendo a buttarla dentro in nessun modo contro una Feralpi dieci uomini dietro la linea della palla e che a fine primo tempo ha dovuto addirittura fare i conti con il rigore procurato da Bogdan e segnato da Guerra.

Ma il secondo tempo ha poi rimesso le cose in pari nel vero senso della parola restituendo dignità ad una squadra che c’aveva provato fin dall’inizio a fare la partita e che con Ripa ha trovato la via del gol e avrebbe potuto trovarne molte altre.

Ripa non è Holly Atton, non è Tom Becker ma è forse un Mark Lenders per il modo di intendere il calcio, un cattivo, uno che davanti la strada che lo separa dalla porta fa fuori tutti e la mette dentro, certo ha avuto la stagione travagliata che non vorrebbe nessuno ma questo potrebbe essere il suo momento e la partita di ritorno potrebbe essere l sua vera occasione.

Tatticamente all'Angelo Massimino sarà la stessa partita se non peggio con una ShiamdaSalò chiusa a doppia mandata in difesa ma con un Martin in meno causa squalifica e un Catania che a quel punto non potrà rischiare di sbilanciarsi e dunque sarà una gara di nervi, dove l’esperienza di Lodi, Biagianti e Marchese dovranno tornare utilissime e forse quel gran conoscitore di calcio di Lo Monaco aveva già previsto tutto “se arrivo ai play me la posso giocare con l’esperienza”. Del resto la ShimadaSalò non ha forse la malizia come possono averla certi uomini rossazzurri e questa alla fine potrebbe essere la chiave di tutto.