Dubbi tattici e giocatori da valorizzare dove andrà il Milan di Montella

Che la stagione del Milan di Fassone e Mirabelli dovesse essere complessa, forse il mercato strabiliante in termini economici lo aveva un attimo maecherato. Col tempo e le prime giornate di Campionato e Coppa però i nodi stanno venendo al pettine e vediamo quanti e quali quest siano.

Mercato e dubbi

Il mercato è  stato un attimo fuorviante tatticamente perché con l'arrivo di Calhanoglu, Andre Silva e Kalinic il trequartista dietro le due punte era la soluzione più  ovvia, per parlare dell'attacco. Discorso identico nel pacchetto  arretrato, dove Conti e Rodriguez tutto sono tranne che terzini puri e la linea a 4 con quella serie di centrali a disposizione, la soluzione a 3 dietro con due esterni a centrocampo sarebbe stata certo la migliore. Ecco perché  siamo arrivati a questo 3-5-2 ma siamo sicuri che la rosa possa sostenere questo assetto?

Col 3-5-2 infatti uno degli uomini simbolo del Milan dei survivors, Suso,  rischia il posto a meno che non si faccia fuori uno tra Silva, Kalinic o Cutrone. Calhanoglu non è una mezzala ne forse un esterno ancora pronto per l'Italia, dunque annegato tatticamente nel 3-5-2 potrebbe rendere meglio se coperto da un esterno sinistro e un centrale metodista che possano coprire le suo folate offensive. 

Dunque qui nascono i primi dubbi tattici, questo Milan su che direzione tattica è  stato costruito? L'opportunità forse in qualche caso ha superato la logica.

Bonucci campione o imboscato da BBC?

Leo sta vivendo un momento difficile, orfano di Chiellini e Barzagli con Musacchio e Romagnoli il primo da plasmare al calcio italiano il secondo da far crescere definitivamente, le reponsabilita aumentano. In questa situazione deve venir fuori il campione da 7,5 milioni di euro.... 7,5!!!! Il voto al mercato passerà anche da li, dato che già dopo 3 giornate Montella per cautelare tutti ha dovuto virare sulla linea a 3 che diventa a 5 in fase di non possesso.

Finalmente Montolivo 

Tra tutti chi sta beneficiando del cambio di registro è  Montolivo 3,5 Milioni di dubbi l'anno in rossonero, che sgravato dal ruolo cruciale di metodista ricaduto sulle spalle di Biglia, può esprimersi nel suo vero ruolo, la mezzala che prova il tiro quando può e aiuta in fase di non possesso. 

A latere lasciamo una considerazione e una previsione: è la stagione del cambiamento, qualche ambiguità sul mercato c'è stata e dunque l'altalena dei risultati continuerà a far sorridere e abbattere tutto l'ambiente rossonero, serviranno nervi saldi e moment per il mal di testa ma sarà un stagione ricca di emozioni.