LE PAGELLAZZE: Belgio-Italia

Facebook Twitter Google

Buona, buonissima la prima di Eruo2016 per gli uomini di Conte, ferito come Rocky durante i festeggiamenti da una discutibile testata di Zaza, che sia stato un messaggio subliminale del tipo "o mi fai giocare o la prossima volta farò sanguinare le tue p...."? E chi lo sa, certo è che in Belgio, tra una Jupiler e le poulet con le frites (pollo e patate fritte, tipica cibaria dei sudditi di Re Filippo) hanno finito di cenare con un bell'amaro italiano, "amaro dueazero" sapore vero. A voi dunque le pagellazze di questa prima uscita trionfale degli uomini di Conte che hanno strapazzato i diavoli rossi di Bruxelles.

BONUCCI 9: Ah sì.. mi dicono ci fosse anche Lukaku in campo, Leo però lo ha sovrastato mentalmente prima e tecnicamente poi, anticipandolo sempre ovunque e comunque. Poi quei lanci che solo lui sa fare e che tanto piacciono a noi di Calciocalcio.net sono eccezionali. Il vero play della Nazionale sarebbe stato Leo, lo sapevamo noi, lo sapeva Conte, non lo sapevano in Belgio per fortuna. Giocatori come lui dovrebbero valere 50MLN siamo stanchi di vedere quelle cifre per scarpacce travestite da campioni. Frase di fine gara "Questa la mia miglior partita? La mia miglior partita deve ancora venire!" DIE HARD

 

GIACCHERINI 8: piccolo e brutto, il povero Emmanuele svelerà a fine gara che avrebbe dovuto tornare in Hotel a piedi se avesse sbagliato facili occasioni da gol, parola di Conte. Per uno che ha appena fatto la primina è troppo e allora il piccolo esterno riadattato interno di centrocampo, si inserisce alle spalle dell'ultimo difensore, la stoppa manco fosse Roberto Baggio e la piazza sul secondo palo, sguardo a Conte che gli da il permesso di prendere il bus. VESSATO MA FELICE

DARMIAN/DE SCIGLIO 5.5: l'Alba dei morti Viventi, cadaveri si aggirano sulla fascia sinistra, il primo avrebbe fatto bene a farsi venire un crampo durante quella maledetta corsa che lo ha condotto fino alla trequarti avversaria, perché giunto lì era più spaesato di un dipendente del comune di San Remo dopo aver timbrato il cartellino "E mo che faccio?" tiro Santo Dio!!! Invece no, costringendo molto probabilmente Buffon a tirare giù tutti i Santi del Paradiso come da suo stile (ma di questo fortunatamente non pare vi siano immagini). E allora per dare la scossa ecco il ragazzino prodigio del Milan, che ha pure avuto il coraggio di dichiararsi guarito dalla cura Conte e di credere finalmente in se stesso, fortuna che a un certo punto non ci credevano più i belgi se no da quel lato poteva succedere di tutto. LOST IN FRANCE 2016

CONTE 9: ..rca tro.. che partita s'è tirato fuori il leccese! Solito 3-5-2 come previsto, solito Bonucci come previsto, solito Giaccherini in campo come previsto ma insolito colpo da puntero del nano venuto dal Bologna. Immenso Pellè che anche se tutto rotto, su invito di Candreva non si fa pregare per mettere il raddoppio (sarebbe stato troppo sbagliare dopo il gol di testa che "non avremmo segnato nemmeno noi" cit. Fabio Noaro). Antonio ha la cazzimma, questo gruppo ha la cazzimma e mo? So cazz... degli altri! TUMEFATTO DALL'EUNTISIASMO (O SI ERA SCOPPIATO UN BRUFOLO?)

LUKAKU 2: peccato che Wilmots e i suoi non se ne fossero accorti se non per 2-3 sponde e nulla più, ma c'era anche lui in campo. La controfigura di John Coffey nel Miglio Verde si è ritirata a piangere negli spogliatoi dopo il cambio con Origi, devastato dalla marcatura dei centrali azzurri. E pensare che il Belgio partiva coi favori del pronostico, gongolano Origi e Batshuayi ci sarà più spazio per loro. MIGLIO VERDE

FELLAINI/WITSEL 4: c'è chi dice siano il remake dei cugini di campagna, chi accosta il primo a Valderrama (completamente fatto) e il secondo a Warrick Brown di CSI Las Vegas (alla ricerca del feritore di Conte). Insomma di questi due ragazzi si è detto di tutto e di più, meno che ieri sono stati inutili come il due di spade quando la briscola e a mazze. Sarà l'effetto grip del capello folto e lungo, ma sembravano proprio col "freno a mano tirato" e meno male che Fellaini aveva dichiarato nei giorni scorsi di voler convincere Mourinho, sarà ma quello dice di non essere un pirla, vedremo. ATTORI/CANTANTI (NON PROTAGONISTI)

WILMOTS 3.5: imbolsito a forza di Jupiler e Cuberdon e sulla via per assomigliare sempre più a Gerard Depardieu, che coltivando vigneti a Pantelleria sarà costantemente ubriaco un po' come lo stato in cui il mister avrà preparato la gara contro gli Azzurri. Lo sapeva anche mia nonna (89 anni innamorata di Buffon, Del Piero e Cannavaro, è malata e non oso dirgli che gli ultimi due non giocano più) che Conte avrebbe giocato come gioca la Juve in campionato, perché quel modo di giocare in un certo senso l'ha inventato lui a Torino. Invece cosa fa? Solito gioco da 4-2-3-1 con massima libertà di impostare a Bonucci, nessuna copertura preventiva sugli inserimenti dei centrocampisti e poi va beh, ci sta lo sbilanciarsi e prendere la pera in contropiede quando stai perdendo. Stai allenando una delle formazioni più talentuose dell'Europeo2016 come fai a ridurti così. STANCO E FUORI FORMA (E SEMBRA NON SUONI NEANCHE IN UNA BOYBAND) 

Facebook Twitter Google