Effetto Sarri, il Napoli che parla toscano è rinato

Facebook Twitter Google

Maurizio Sarri ha portato al Napoli il bel calcio, un modo di intendere il gioco del pallone spettacolare e concreto, che sta permettendo agli azzurri di essere gli unici veri antagonisti della Juventus in questa stagione. Il suo 4-3-3 in fase di possesso, copre bene tutto il campo, dando alla squadra un ottimo equilibrio rispetto al 4-2-3-1 sbilanciato di Benitez. Sarri, con la sua mano, ha prodotto un gioco spumeggiante esaltando le caratteristiche di giocatori come Jorginho e Hamsik, portandoli ai loro ruoli primordiali e favorendo la rinascita di Higuain, il quale con la cura toscana primeggia nella classifica cannonieri della Serie A con 29 goal in trenta partite.

Il Napoli quest’anno ha tutti i mezzi per arrivare fino in fondo nella corsa scudetto, in questo momento è a soli tre punti dalla capolista Juventus. 

Senza dubbio ha poi altissime chance di partecipare alla prossima Champions League, competizione che darebbe lustro ancor maggiore, allo straordinario lavoro svolto quest'anno.

Gli azzurri giocano il miglior calcio d’Europa insieme al Bayern Monaco e al Barcellona, squadre che hanno il 70% del possesso palla, il miglior attacco e la migliore difesa. Maurizio Sarri  attualmente è uno dei migliori allenatori italiani, avendo portato una mentalità vincente nello spogliatoio azzurro; il 4-3-3 è il modulo perfetto per la rosa del Napoli. Callejon e Insigne sono le ali perfette, nel tridente con il Pipita Gonzalo Higuain. Dopo il deludente biennio di Benitez, Sarri ha portato energia positiva alla squadra napoletana; è l’anno giusto per vincere il terzo scudetto che manca da ventisei anni.

Facebook Twitter Google