Serie A: dopo il mercato parola al campo

La prima giornata dopo il calciomercato ci dirà se le operazioni fatte dai club italiani saranno state provvidenziali o meno. Al di la dei voti dati dagli illustri cronisti, addetti ai lavori quello che conta veramente è il campo e tra oggi e domani capiremo veramente quanto bene o male avrà fatto il mercato alle prestazioni dei vari club.

Leggi tutto: Serie A: dopo il mercato parola al campo

Lazio forza 3 e Inter maschia, Italia avanti

L'Italia del calcio respira, almeno per una sera. Lazio e Inter vanno avanti in Europa League e garantiscono una vetrina internazionale niente male, anzi necessaria per riprenderci quel posto in Champions scippatoci (da quest'anno solamente tre posti in Champions invece che quattro, con l'Udinese tra l'altro già fuori). Due partite, diverse però e molto: una, quella dei biancocelesti, conclusasi con una vittoria devastante, un 3-1 senza storie con un Petkovic sempre più interessante dal punto di vista tecnico-tattico; l'altra, un pareggio sofferto ma che evidenzia il carattere di una squadra che da oggi, è ufficiale, riprende ad essere la pazza Inter di sempre (semmai la gara con l'Hajduk avesse lasciato dubbi in merito).

Leggi tutto: Lazio forza 3 e Inter maschia, Italia avanti

Povera Udinese: vittima di una magia

Purtroppo è finita così, con l'Udinese fuori dalla Champions, ma è eutanasia. Il rigore di Maicosuel  è una vera e propria magia fatta male e quando fai una magia sbagliata ti si ritorce contro si sa. E così niente qualificazione ma soprattutto niente iniezione di nuovi capitali per i Pozzo veri e propri imprenditori del calcio che dividono i loro interessi tra Udinese, Granada e Watford insomma una vera multinazionale con tre sedi mondiali. Del resto con quel parco osservatori così forte ed una politica alla gunners (valorizzare per poi incassare) avere altre due possibilità estere (Spagna e Inghilterra) dove far fruttare i propri investimenti non è idea da sottovalutare. 

Leggi tutto: Povera Udinese: vittima di una magia

Serie A: la prima inizia col botto

La prima giornata di campionato ha regalato i primi verdetti attesissimi dopo mesi e mesi di digiuno da Serie A, verdetti durissimi per alcune compagini, ma da prendere sempre con le molle essendo solo l'inizio della stagione. Di sicuro, chi ha pagato di più il mercato finora, è il Milan di Berlusconi che in nome del fair play finanziario ha dismesso la squadra ed il risultato è stato un cocente 0-1 in casa contro la Samp.

Leggi tutto: Serie A: la prima inizia col botto

Serie A: anche se fa schifo non possiamo farne a meno

Inizia oggi la nuova stagione calcistica 2012/2013 che porta con se, come ormai spiacevole consuetudine, uno strascico di polemiche e sentenze sportive di cui francamente faremmo tutti a meno. Vedere quella classifica con quei meno prima ancora dell'inizio della stagione fa veramente schifo, schifo perché i valori dello sport dovrebbero essere sempre positivi invece paradossalmente nel calcio partono dal negativo. Ma tant'è, ormai in Italia siamo abituati a fare i conti con il torpore, con l'illegalità, con la mafia in tutte le sue forme intese anche come atteggiamento e modo di affrontare le cose. Avremo la forza di cambiare prima o poi ma intanto ci facciamo narcotizzare dai piaceri della vita e dunque eccovi la prima giornata di campionato.

Leggi tutto: Serie A: anche se fa schifo non possiamo farne a meno