Le pagellao: Brasile-Messico

Facebook Twitter Google
 

E’ finita 0-0 ma non se n’è accorto nessuno! Brasile-Messico è una di quelle partite in cui è mancato solo il goal e di certo non per demerito delle due squadre in campo. Ecco i voti ai protagonisti:


MESSICO
OCHOA 9 (MOM-Man of the match): “Ma dove ca..o gioca sto qui?” Ce lo siamo chiesti tutti scoprendo poi che è il portiere dell’Ajaccio. Sarà stato il nome più cercato su Google e Wikipedia negli ultimi 90 minuti di gioco, un gatto, l’Ed Warner del Mondiale. Il colpo di testa di Neymar è da antologia e lui ci mette la manona. Poi due volte di corpo e infine ancora paratona a salvare il risultato sul colpo di testa a botta sicura di Thiago Silva. Ma chi è? Semplicemente il paladino a difesa della porta Messicana contro il “nemico” brasileiro. Stanotte niente samba amigos verdeoro, stanotte ha vinto Ochoa. SUPEREROE!

Leggi tutto: Le pagellao: Brasile-Messico

Italia: moduli, pagelle e peccatucci originali

Facebook Twitter Google
 

Lunedì 16 giugno, sono passati appena 2 giorni dalla vittoria contro la squadra della Regina ed è più semplice dopo averci ragionato capire e analizzare cosa è successo di buono e meno in questa attesissima sfida. L’assetto tattico è stato più o meno quello previsto al netto degli infortuni con il 4-1-4-1 a doppio regista e un finto terzino a sinistra. Vediamo insieme i dettagli del modulo, le pagelle e tutto quello che può servirci a fare lo scan della nazionale azzurra.

MODULI
Il doppio regista Pirlo-Verratti è stato un esperimento riuscito ma chiaramente da valutare di gara in gara. L’aspetto positivo di questa trovata tattica è sicuramente la possibilità di avere un possesso palla prolungato e redditizio ed una media passaggi riusciti da record, 93.19% la miglior media da quando esiste la Coppa del Mondo.

Leggi tutto: Italia: moduli, pagelle e peccatucci originali

Manita in faccia! L'Olanda sveglia la Spagna, tiki taka, chi ti caga?

Facebook Twitter Google
 

Gli alieni non esistono! Gli ufologi di tutto il mondo andranno a dormire scontenti stanotte dopo aver scoperto che tutte le loro teorie sulle forme di vita oltre quella umana sono da cestinare. Si perché fino ad oggi quella spagnola era considerata (titoli alla mano) una nazionale di mostri umanoidi dotati di superpoteri. Oggi le parti si sono invertite e se Robben aveva il “pepe in culo” i difensori spagnoli e Casillas il pepe lo avranno mangiato a pranzo e non gli ha fatto di certo un bell'effetto.

 

Leggi tutto: Manita in faccia! L'Olanda sveglia la Spagna, tiki taka, chi ti caga?

Inauguriamo questo Mondiale: il Brasile di Scolari

Facebook Twitter Google
 

Parte oggi l’avventura brasileira del Mondiale 2014, il parco divertimenti per tutti gli appassionati di calcio ed i tifosi di tutto il mondo. La sfida vedrà chiaramente impegnata i padroni di casa del Brasile che quindi per l’occasione approfondiremo per carpirne i segreti. La squadra di Scolari ha addosso la solita pressione che solo i brasiliani riescono a mettere sui propri calciatori, sana o devastante lo scopriremo tutti tra un po’.

LA TATTICA E GLI INTERPRETI
Come potrebbe giocare il Brasile tutto classe, rabone, sombreri, velocità e tecnica? Ma certamente con uno sbilanciatissimo 4-2-3-1! Attori principali?

 

Leggi tutto: Inauguriamo questo Mondiale: il Brasile di Scolari

Quest'Italia tra dubbi amletici e scabrose ambiguità di ruoli

Facebook Twitter Google
 

Parola d’ordine: chiarezza! Quella che l’Italia di Prandelli non ha mostrato a livello tattico in questo pre mondiale. Per carità, che non si dovessero scoprire tutte le carte era ovvio, ma le parole di Prandelli a riguardo nel finale di Italia-Lussemburgo suonano alquanto preoccupanti. A precisa domanda dell’ottimo Antinelli (uno dei pochi giornalisti “seri” rimasti in circolazione, ndr) che chiedeva se la formazione vista fosse sperimentale per confondere gli avversari più che per capire il proprio DNA, il tecnico ha risposto laconico “gli esperimenti si fanno per provare qualcosa che non viene provata a caso”. Insomma come dire “quello che avete visto è quello che più o meno vedrete al Mondiale” e sti gran… stamo messi bene, direbbero gli amici romani.

Leggi tutto: Quest'Italia tra dubbi amletici e scabrose ambiguità di ruoli