LE PAGELLAZZE: Atletico-Real

Facebook Twitter Google
 

Lezione di calcio al Vicente Calderon di Madrid quella rifilata da Simeone a Carletto Ancelotti. Dove non sono arrivati i milioni è riuscita a sopperire la grinta, dove non sono arrivati i nomi è riuscito a sopperire l'organizzazione di gioco, dove non è arrivata la giocata spettacolare è riuscito ad arrivare il pressing ed il sacrificio. Ecco dunque le pagelle di questo match secondo calciocalcio.net

RAUL GARCIA 8: ovunque sempre e comunque, di destro, di sinistro, di testa. Oggi gli incubi più neri per i blancos di Ancelotti sono arrivati proprio da lui. Partita di sacrifico e contenimento ma anche di ripartenza e pericolosità in avanti,

Leggi tutto: LE PAGELLAZZE: Atletico-Real

Non era un paese per vecchi.. la Germania! Povera vecchia Italia

Facebook Twitter Google
 

In questi giorni si è molto parlato di rifondazione del calcio italiano, sappiamo già che non succederà nulla come sempre, le facce saranno sempre le stesse e tanti saluti ai buoni propositi di inizio estate. Il calcio italiano sembra come uno studente che ha lascito il debito in “giovanili all’altezza” e “campioncini nostrani”, le due materie dove i teutonici compaesani della Merkel eccellono ormai da anni. Precisamente dal 2009, anno in cui la Nazionale Under21 tedesca batteva in finale l’Inghilterra per 4-0. Ed è sempre guardando alla storia che ci si spiegano tante cose che accadono anni dopo.

Prendete posto accanto a “Doc” Emmett Brown sulla mitica DeLorean, allacciate la cintura e lasciatevi trasportare dal flusso canalizzatore a plutonio.

Leggi tutto: Non era un paese per vecchi.. la Germania! Povera vecchia Italia

Le pagellao: date a Cesare quel che è di Cesare, un bel calcio nel...

Facebook Twitter Google
 

Date a Cesare quel che è di Cesare, un bel calcio nel..! Non siamo mai stati teneri con il ct della nazionale azzurra ed oggi più che mai non ci pentiamo di non esserlo stati. Cesare ha sbagliato tutto, dal progetto (come lo chiama lui) alle convocazioni, dall’assetto tattico ai cambi, un disastro, l’apocalisse appunto. “Puntiamo su Balotelli” “Balotelli e Immobile non sono compatibili” “De Sciglio è un ottimo terzino di spinta” “Thiago Motta è il miglior brasiliano che potessimo naturalizzare” “Cassano ci darà l’imprevedibilità” e così via, non che le abbia pronunciate veramente tutte ste cazz…volate ma almeno le avrà pensate, perché la cronaca ha palesato tutti questi pensieri e il contrario di questi, un’entropia cosmica! Ma bando alle ciance veniamo alle pagellao sulla spedizione azzurra con focus sull’ultima gara riassuntiva della debacle mondiale.

Leggi tutto: Le pagellao: date a Cesare quel che è di Cesare, un bel calcio nel...

Ita-Uru: Cesare tira fuori le brazuca e mettiamoli sotto

Facebook Twitter Google
 

Carissimo Cesare,

esordisco con un linguaggio non troppo velato che ti sia da stimolo “tira fuori le brazuca” (palle utilizzate in questi mondiali) e falle tirare fuori a sta massa di viziati che ti sei portato appresso in quel del Brasile. Ragazzi su, un po’ di responsabilità, siete lì a rappresentare un’intera Nazione mica siete andati in vacanza. Si smuove la bile a vedervi in campo, persi, senza idee, senza un imprinting tattico deciso e ben tratteggiato, ok la duttilità ma se questa si riduce ad un’entropia tattica il gioco finisce lì e gli unici a rimetterci siamo noi. Sembra essere finita come il 5-5-5 del mitico Oronzo Canà “mister ma che si gioca in 15?” chiedeva il mitico Speroni aggiungendo “così non ci capiamo niente neanche noi”, chiudete gli occhi e sostituite per un attimo Speroni con Balotelli e Canà con Prandelli, il gioco è fatto.

Leggi tutto: Ita-Uru: Cesare tira fuori le brazuca e mettiamoli sotto

Le pagellao: Italia-Costa Rica

Facebook Twitter Google
 

Doveva succedere! L'Italia doveva uscire da questa situazione di ambiguità, nel credersi forte, nel pensare di avere un tecnico competente e perfetto per vincere un trofeo Mondiale, nel pensare di avere dei giocatori sopra la media. Qui l'unica media superata (e non ci giureremmo per tutti gli azzurri) è la terza, il campo ha dato le sue risposte come sempre e dal sud Italia (stavolta scegliamo la Sicilia nel nostro tour dei dialetti) un solo grido si è alzato "pezzi i cessi".


ITALIA
CHIELLINI 3.5: siamo stati generosi lo sappiamo, ma non vogliamo scoraggiare il Dante juventino, che ha rischiato addirittura di farsi raddrizzare il naso su un cross di un avversario che lo ha colpito pieno in faccia. Ma non è bastato neanche quello a svegliarlo, Giorgione oggi era proprio rincoglionito: fallo da rigore non fischiato su Campbell per recuperare una cavolata fatta qualche secondo prima, disastroso sul vantaggio costaricchiano perdendosi Ruiz come fosse all'oratorio e in mezzo un buco al centro su un cross che poteva dare il goal. Per rimanere in tema dantesco sembra quasi mettercela tutta per mettercela nel di dietro. LUSSURIOSO!

Leggi tutto: Le pagellao: Italia-Costa Rica