L'allenatore, come Gianni Morandi racconta il mister

Facebook Twitter Google

Una canzone che tocca le corde sensibili del cuore grazie all’inconfondibile voce di Gianni Morandi, che ne è sapiente autore al pari di da Fortunato Zampaglione.

Ma come può una canzone dedicata al calcio essere fonte di così tante emozioni? Per gli appassionati del giuoco più bello del mondo, è più semplice capire la figura del mister che questa canzone delinea perfettamente.

 

Leggi tutto: L'allenatore, come Gianni Morandi racconta il mister

You'll never walk alone, brividi da raccontare

Facebook Twitter Google

La genesi di questo mitico inno da brividi per i tifosi di Liverpool, Celtic, altri club e in generale per tutti gli appassionati di calcio, è davvero interessante e abbiamo deciso di approfondirla perché rappresenta davvero una pietra miliare per la musica calcistica internazionale.

Nasce tutto da un musical americano, il Carousel di Broadway del 1945, in cui Oscar Hammerstein II e Richard Rodgers scrivono You’ll never walk alone per accompagnare due momenti duri e drammatici di due donne, una vedova e la figlia, protagoniste dello spettacolo.

Successivamente Gerry and the Pacemakers ripresero il brano pubblicandolo nel lato A di un disco 45 giri che schizzò primo in classifica nell’ottobre del 1964 in Inghilterra, 19 anni dopo la prima stesura americana.

Divenne così famoso che i tifosi del Liverpool, Celtic e via via altre tifoserie, se ne innamorarono trasformandolo di fatto nel loro inno.

Ecco dunque la genesi di uno degli inni calcistici più emozionanti al mondo che qui riportiamo in una versione cantata congiuntamente in un pre Celtic-Liverpool

Leggi tutto: You'll never walk alone, brividi da raccontare

Tapinho: il vero inno dei Mondiali contro razzismo e omofobia

Facebook Twitter Google
 

E’ sempre lui! Quel genio di Checco “Zalonao” ha confezionato l’ennesimo capolavoro, Tapinho. E’ la storia di un calciatore brasileiro alle prese con problemi di stitichezza e dunque costretto a combattere il razzismo in modo certamente diverso da

.

Leggi tutto: Tapinho: il vero inno dei Mondiali contro razzismo e omofobia

La Mano de Dios

Facebook Twitter Google
 
Il calcio e la musica! La responsabilità di coniugare questi due ambiti è molto grande, premettendo che molti di noi considerano questi due aspetti fondamentali nella propria esistenza. Da dove iniziare? Cosa mostrare e approfondire per primo? Beh, la risposta è stata molto facile, partiamo da lui, Diego Armando Maradona! Diego non è stato per molti soltanto il miglior giocatore di calcio mai visto sulla faccia della terra, è stato anche un simbolo, un eroe, per un’intera nazione e ed un’intera città di un’altra nazione: Argentina e Napoli. C’è chi ancora oggi “vive di Diego” delle sue giocate inflazionate ormai sul web e prima ancora su tutte le TV e c’è chi avendoci vissuto aveva tratto dalla storia di questo grandissimo quanto controverso campione, una canzone molto amata.

Il video tratto dal film documentario di Kusturica

Leggi tutto: La Mano de Dios